Kibera, Nairobi

Kibera slum, Nairobi
Kibera slum, Nairobi
Kibera slum, Nairobi. Una delle vie principali.
Kibera slum, Nairobi. Una delle vie principali.

 

 

Kenya. Kibera, Nairobi:

gli occupanti permanenti 

 

Kenya, giugno-luglio 2011

La zona conosciuta oggi come Kibera era una volta una collina boscosa alla periferia della città di Nairobi, assegnata dal dominio coloniale britannico ai soldati Nubiani (sudanesi) che avevano prestato servizio per l’esercito britannico durante la prima e la seconda guerra mondiale. I Nubiani chiamarono questa terra Kibra, che significa 'terra di foresta'.

Dopo che il Kenya dichiarò l'indipendenza nel 1963, il governo nazionale rifiutò di riconoscere i Nubiani i diritti di proprietà fondiaria per i loro orti e assunse la proprietà della terra. Invasa per decenni con centinaia di migliaia di migranti rurali che colpiti dalla povertà trasmigravano dalla campagna alla ricerca di opportunità di lavoro a Nairobi, Kibra lentamente si trasformò in Kibera, il più grande slum (baraccopoli) di Nairobi, e fu gradualmente circondata dalla tentacolare capitale. Fino a poco tempo fa, Kibera si pensava fosse la seconda più grande baraccopoli dell'Africa, con una popolazione stimata di 1 milione di persone, ma il censimento della popolazione e delle abitazioni del 2009 in Kenya ha dimostrato che Kibera era molto più piccola di quanto originariamente si pensava, e risultava essere la patria di 170.070 persone. In realtà la popolazione di Kibera supera oggi (2015) i 700.000 abitanti. Sono state contate 600 latrine in Kibera, o se volete, 1.300 persone per latrina.

Kibera è ufficialmente classificata come un insediamento urbano informale e, di conseguenza, i suoi abitanti sono tutti considerati abusivi da parte del governo keniota, che non prevede alcun servizio pubblico essenziale o infrastrutture di base, come la sanità, l'istruzione, l’elettricità, ecc. La mancanza di un sistema fognario, la povertà estrema, la violenza endemica e l'accesso molto limitato all'istruzione e ai servizi sanitari a prezzi accessibili danno conto delle principali esigenze umanitarie di Kibera. HIV, tubercolosi e diverse altre malattie sessualmente trasmissibili o correlate all’igiene sono molto diffuse tra i baraccati. Medici Senza Frontiere - una delle molte organizzazioni internazionali non governative (ONG) che lavorano in Kibera - offre servizi gratuiti completi e integrati di assistenza sanitaria nello slum, trattando migliaia di casi ogni settimana e destina consulenza alle vittime di violenza sessuale e di genere.

Purtroppo Kibera è un paradosso vivente quando si tratta di cooperazione internazionale e aiuto umanitario. Anche se sorge a breve distanza dalla 'sede centrale dell’agenzia per gli insediamenti umani delle Nazioni Unite (UN-Habitat), e centinaia di ONG eseguono i loro progetti nello slum, nessun miglioramento significativo è stato raggiunto in assenza del coinvolgimento dello Stato. I proprietari degli slum sono stati lasciati liberi dettare legge in Kibera a loro piacimento, con la connivenza delle autorità locali.

Nel 2009, un tentativo di migliorare le condizioni di vita di Kibera è stato intrapreso dal Progetto di Revisione Kenya Slum (KENSUP), un 1,2 miliardi di dollari sono stati finanziati per il progetto dalla Banca Mondiale, UN-Habitat e il governo del Kenya, volto a sradicare le baraccopoli di Nairobi al fine di trasferire loro residenti in nuovi quartieri costruiti sul sito delle ex baraccopoli. Poco dopo il suo inizio, nel 2009, il progetto è stato legalmente contestato da più di 80 proprietari di Kibera ed ha ormai raggiunto un punto morto.

Nel mese di luglio, è stato avviato un altro progetto finanziato della Banca Mondiale volto a migliorare le condizioni di vita degli abitanti delle baraccopoli del Kenya. Con US $ 165.000.000 il Programma Informale di Miglioramento degli Insediamenti del Kenya (KISIP) cercherà di fornire servizi di base come acqua, servizi igienico-sanitari e altre infrastrutture per i residenti degli slum, in un periodo di tempo di 5 anni. È troppo presto per anticipare l'esito di questo ultimo progetto, ma è sicuro che fornirà la prova di quanta parte del finanziamento internazionale è utilizzato in modo efficace e quanto di esso è usato per alimentare la corruzione locale.

Kibera slum, Nairobi
Kibera slum, Nairobi

 

 

“Tenere il sole in mano":

l'energia solare in Kenya  

 

Kenya, novembre 2010.

L'inizio del viaggio per cercare gli usi di energia solare in Kenya è iniziato per me in Kibera, uno slum di Nairobi. Kibera è il secondo più grande baraccopoli in Africa, con una popolazione di circa 700.000 abitanti.

Il Programma Gioventù della Comunità in Kibera raccoglie giovani di Kibera che creano lampade solari per la comunità. Creano e vendono le lampade e il denaro che essi ricevono è condiviso tra il gruppo. All'interno del centro giovanile c’è un pannello solare, ma è l'unico in Kibera. La loro speranza è quella di essere in grado di costruire pannelli solari per l'intera comunità di Kibera.

In Kenya, i pannelli solari e le lampade vengono utilizzati anche nelle scuole per l'alimentazione di computer durante l'orario scolastico. Sono utilizzati nei mercati dei villaggi in cui tutti possono caricare i propri telefoni cellulari e frigoriferi, ma anche nelle singole case.

Lampade ad energia solare sono argomenti pratici per risolvere i cambiamenti climatici e possono dare sia una motivazione positiva che un potenziale economica e ambientale di energia solare in aree fuori portata in cui l'elettricità è costosa e poco pratica da trovare per le comunità povere.

 

Un lavoratore prepara un distillato alcolico tradizionale, conosciuto localmente come "chang'aa", in una micro-fabbrica illegale di birra lungo il fiume nei sobborghi di Nairobi. 9 maggio 2014.
Un lavoratore prepara un distillato alcolico tradizionale, conosciuto localmente come "chang'aa", in una micro-fabbrica illegale di birra lungo il fiume nei sobborghi di Nairobi. 9 maggio 2014.

 

 "Un intruglio davvero particolare"

 

Baraccopoli di Kibera a Nairobi, persa in un labirinto di vicoli pieni di immondizia, circondata da bidoni putrescenti e file di enormi calderoni traboccanti.

Qui si beve il Changaa o Chang’aa, un tipo di liquore locale di contrabbando. Changaa significa letteralmente “uccidimi in fretta,” e distrugge chiunque ne beva anche una sola goccia, maschio o femmina che sia.

È il Crazy Horse dei torcibudella.


 

 

Mama Miriam, un membro della comunità di nove donne che gestisce una distilleria, vuole mostrare quanto sia forte dando fuoco al chang’aa ed esaltandosi sempre di più mentre la tazza comincia a sciogliersi.

“Vedi ?” dice. “Molto potente.”

Portando la tazza al naso, di solito si ha subito un conato di vomito. Puzza di whisky cattivo ed entra nelle narici come un solvente per vernici.

La prima sorsata stordisce. La seconda provoca brividi incontrollabili e lacrime. Alla terza, respirando i vapori, si avvertono i sintomi dello strabismo.

Il chang'aa (anche conosciuto come busaa o birra di banana, ma da non confondere con altre birre di banana di alcune zone dell’Africa orientale) è normalmente distillato dal mais o dal miglio ("Come distillare il Chang'aa"). È preparato nelle regioni più povere del Kenya, costa 20 scellini (meno di 20 centesimi) a bicchiere e (sorpresa!) è popolare fra i disoccupati e coloro che non hanno diritti civili.

A Kibera e a Mathare, due delle baraccopoli più grandi dell’Africa orientale, questo liquore è un alimento quotidiano per molti dei suoi abitanti.

La sua produzione e distribuzione è controllata in molti casi da bande criminali come i Mungiki.

Fino a poco tempo fa il chang'aa era illegale. I venditori senza scrupoli lo correggono con del metanolo per dargli una marcia in più e molte volte vengono aggiunti anche la benzina per gli aerei e il liquido per imbalsamare. La polizia ha trovato topi in decomposizione e "intimo di donna" in grosse partite di chang'aa e l’acqua usata per distillarlo è spesso contaminata con escrementi. Non sorprende il fatto che il chang'aa abbia ucciso centinaia di persone e accecate migliaia di più.

Mama Toto possiede e gestisce un "chang’aa bar" a Kibera da sette anni. Serve da bere sotto banco a tutti i suoi clienti, che arrivano 24 ore su 24 in ogni giorno della settimana. Mama Toto è sempre lì che aspetta.
Mama Toto possiede e gestisce un "chang’aa bar" a Kibera da sette anni. Serve da bere sotto banco a tutti i suoi clienti, che arrivano 24 ore su 24 in ogni giorno della settimana. Mama Toto è sempre lì che aspetta.

 

Il governo del Kenya ha legalizzato il changaa alla fine del 2010 con lo scopo di ridurre gli avvelenamenti e le morti stabilendo prima di tutto degli standard. Secondo le nuove leggi, il chang’aa deve essere imbottigliato, sigillato e marchiato con un’etichetta di avvertimento. Se le autorità scoprono degli ingredienti illegali, come quantità letali di metanolo, chi lo ha prodotto va a finire in prigione.

Se amate il vostro chang'aa o busaa ora è possibile sorseggiarlo da un bicchiere di spumante o da una latta arrugginita che una volta conteneva l'olio del motore, senza dovervi guardare indietro impauriti per l'arrivo della polizia.

Come gli ugandesi per il loro Waragi e tanzaniani per il loro Konyagi, i kenioti possono ora vantare la propria bevanda distillata e "ricca di standard convenzionali" (lascio alla vostra immaginazione quali possano essere!).

 

“Non ci piace nemmeno più chiamarlo chang’aa perché il nome ha acquisito ormai una cattiva reputazione”, dicono a Kibera.

Gli abitanti di Kibera e Mathare, nati e cresciuti fra le baracche, nella legalizzazione del changaa ci vedono un’opportunità. Le donne possono distillare il chang’aa in casa, tirando su un po’ di soldi per le faccende domestiche, mentre mariti e ragazzi scorrazzano per strada scovando turisti che cercano “lo sballo”.

La maggior parte di quelli che lo bevono raggiungono l’incoscienza dopo un paio di sorsi, ma i locali forniscono ai loro clienti un altro tipo di stimolante: dei sacchetti di Khat, ovvero l’equivalente africano e completamente naturale dello Speed.

“Facciamo quello che possiamo per far sì che sia una bella esperienza per i turisti”, dicono, “vogliamo che la nostra sia un’industria. A Kibera lavoriamo bene, in maniera pulita e il chang’aa non è velenoso. Non aggiungiamo nessun materiale tossico. Vogliamo distillarlo nella maniera tradizionale e vogliamo che i turisti lo apprezzino.”

Anche se la legalizzazione rende più facile distillare e bere il chang’aa alla luce del sole, fermentarlo è ancora un’operazione nascosta. Le donne che mandano avanti questo tipo di distilleria devono corrompere i poliziotti con circa 500 scellini (4 euro) alla settimana per far sì che non le facciano chiudere.

“Tutti si danno da fare qui”, spiegano gli spacciatori. “Quello che ci serve è una fabbrica di imbottigliamento e una direttiva del Governo che chiarisca come vengono eseguite le ispezioni e come debbano essere le licenze. Non abbiamo nulla da nascondere, ma dobbiamo ancora scontrarci con troppi problemi se proviamo a vendere la merce fuori di qui.”

La Kenya Industrial Estate, una compagnia che offre capitale a piccole imprese, recentemente ha annunciato di voler investire nelle fabbriche di chang'aa, notando che i kenioti spendono 16 bilioni di scellini all'anno per questo intruglio. Le associazioni umanitarie e la chiesa stanno cercando di aiutare i distillatori del posto, convinti che, se proprio lo si deve vendere, il chang’aa debba almeno essere redditizio e sicuro, invece che letale.

“Sta andando meglio. Ci vorrà del tempo, ma lo venderemo alle grandi compagnie un giorno”, dicono i distillatori di changaa. “ Forse le persone benestanti preferiscono il Johnny Walker, ma i veri kenioti sanno che questo è meglio.”

 


Amboseli National Park
Amboseli National Park
Tembo Court - Entrance
Tembo Court - Entrance
Tembo Court - Pool
Tembo Court - Pool
Tembo Court - Pool
Tembo Court - Pool
Tembo Court - Restaurant Pool
Tembo Court - Restaurant Pool
Tembo Court - Beach Pool
Tembo Court - Beach Pool
Watamu - Kobe
Watamu - Kobe
Watamu - Papa Remo Beach
Watamu - Papa Remo Beach
Watamu - Ocean Sports
Watamu - Ocean Sports
Tsavo East National Park
Tsavo East National Park
Tembo Court - Veranda Apartment
Tembo Court - Veranda Apartment
Tembo Court - Veranda Apartment
Tembo Court - Veranda Apartment
Tsavo East National Park
Tsavo East National Park
Tembo Court Beach
Tembo Court Beach
Tembo Court Beach - Low Tide
Tembo Court Beach - Low Tide
Tembo Court Beach - High Tide
Tembo Court Beach - High Tide
Tembo Court
Tembo Court
FreeCurrencyRates.com