Il sultanato di Kilwa

Sito storico di Kilwa Kisiwani, in Tanzania - Vista aerea della della Great House (vicino alle strutture) e la Great Mosque (edificio a cupola, posteriore).
Sito storico di Kilwa Kisiwani, in Tanzania - Vista aerea della della Great House (vicino alle strutture) e la Great Mosque (edificio a cupola, posteriore).

Il Sultanato di Kilwa era un sultanato medievale, centrato a Kilwa, la cui autorità, al suo apice, si estendeva per tutta la lunghezza della Costa Swahili. Kilwa fu una imponente città commerciale di cui sono rimaste le rovine sull'odierna isola di Kilwa Kisiwani in Tanzania. A causa di questo importante sito archeologico, l'isola è stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1981).

 

Kilwa è stata fondata nel 10° secolo da Ali ibn al-Hassan Shirazi, un persiano principe di Shiraz. La sua famiglia governò il Sultanato fino all'anno 1277 ed è stato sostituito dalla famiglia araba di Abu Moaheb fino al 1505, quando fu rovesciato da un invasione portoghese. Entro il 1513, il sultanato era già frammentata in stati più piccoli, molti dei quali divennero protettorati del Sultanato dell'Oman. 

 

Principali città dell'Africa orientale, c. 1500. Il Sultanato di Kilwa ha tenuto la supremazia da Capo Correntes a sud, a Malindi nel nord.
Principali città dell'Africa orientale, c. 1500. Il Sultanato di Kilwa ha tenuto la supremazia da Capo Correntes a sud, a Malindi nel nord.

Storia

La storia di Kilwa inizia intorno al 960-1000 dC.  Ali ibn al-Hassan Shirazi era uno dei sette figli dell'emiro Al-Hassan di Shiraz, in Persia, sua madre una schiava abissina. Alla morte di suo padre, Ali è stato privato della sua eredità dai suoi fratelli guerrieri. Salparono da Hormuz, Ali ibn al-Hassan, la sua famiglia e un piccolo gruppo di seguaci che prima si diressero a Mogadiscio, la principale città commerciale della costa orientale africana. Tuttavia, Ali non è riuscito a cavarsela con l'élite somala della città  e fu ben presto cacciato da quella città.

Dirigendosi lungo la costa africana, si dice che Ali abbia acquistato l'isola di Kilwa dagli  abitanti bantu locali. Secondo una cronaca (Strong, 1895), Kilwa era originariamente di proprietà di un re bantu  'Almuli' e collegata al continente da un piccolo lembo di terra che appariva durante la bassa marea. Il re avrebbe accettato di vendere Kilwa a Ali ibn al-Hassan per una quantità di stoffa colorata che avrebbe potuto coprire la circonferenza dell'isola.

Ma quando il re in seguito cambiò idea, e cercò di riprenderla, i persiani avevano rimosso il ponte di terra, e Kilwa era diventata un'isola. La posizione fortuita di Kilwa l'ha resa un centro commerciale dell'Africa orientale molto meglio di Mogadiscio. Ben presto cominciò ad attirare molti mercanti e immigrati provenienti da regioni più a nord, tra cui la Persia e l'Arabia. In pochi anni, la colonia era abbastanza grande per stabilire un insediamento satellite della vicina Mafia Island.

L'emergere di Kilwa come centro commerciale ha sfidato il dominio, una volta tenuto da Mogadiscio sulla costa orientale africana. Suleiman Hassan, il nono successore di Ali (e 12° sovrano di Kilwa, c. 1178-1195), stappò il controllo della città meridionale di Sofala. Sofala era il principale emporio per l'oro e il commercio di avorio con Great Zimbabwe e Monomatapa nell'interno. L'acquisizione di Sofala ha portato una manna dei ricavi d'oro per i sultani di Kilwa, che ha permesso loro di finanziare la loro espansione ed estendere i loro poteri su tutta la costa orientale africana.

All'apice della sua potenza nel 15° secolo, il Sultanato di Kilwa rivendicava la proprietà o la signoria sulle città del continente di Malindi, Inhambane e Sofala e l'isola-stato di Mombasa, Pemba, Zanzibar, Mafia, Comore e Mozambico (oltre a numerosi centri minori), in sostanza, quella che oggi è spesso definita come la " Costa Swahili ".

Kilwa ha anche affermato la signoria attraverso il canale sulla miriade di piccoli empori sparsi sulla costa del Madagascar (poi conosciuta con il suo nome arabo di Isola della Luna). A nord, il potere di Kilwa è stato controllato dalle città-stato somale indipendenti di Barawa (una repubblica aristocratica dominante) e Mogadiscio (la città una volta dominante, principale rivale di Kilwa).

A sud, la portata di Kilwa si estendeva fino a Cape Correntes, sotto del quale le navi mercantili di solito non osavano navigare.

Mentre una singola figura, il sultano di Kilwa, si trovava al vertice della gerarchia, il Sultanato di Kilwa non era uno stato centralizzato. Era più una confederazione di città commerciali, ciascuna con le propria élite interna, comunità mercantili e collegamenti commerciali. Il Sultano poteva nominare un governatore o sorvegliante, ma anche la sua autorità non è stata coerente - in alcuni luoghi (ad esempio avamposti come Mozambique Island) era un vero governatore in nome del Sultano, mentre nelle città più affermate come Sofala i suoi poteri erano molto più limitati, più simili a un ambasciatore della città, che al suo governatore.

Rovive del palazzo di Husuni Kubwa, fatto costruire dal sultano Al-hasan bin Sulaiman sull'isola di Kilwa Kisiwani, nell'attuale Tanzania.
Rovive del palazzo di Husuni Kubwa, fatto costruire dal sultano Al-hasan bin Sulaiman sull'isola di Kilwa Kisiwani, nell'attuale Tanzania.

Società ed economia

Nonostante la sua origine come colonia persiana, il matrimonio e la conversione degli abitanti Bantu locali e poi l'immigrazione araba aveva trasformato il Sultanato di Kilwa in un vero e proprio miscuglio, etnicamente indifferenziabile dalla terraferma. La miscela delle culture persiano-araba e bantu è avvalorata dalla nascita di una cultura distintiva dell'Africa orientale e lingua conosciuta oggi come lo swahili (letteralmente, «abitanti della costa"). Tuttavia, i musulmani di Kilwa (qualunque sia la loro etnia) avrebbero spesso fatto riferimento a se stessi in generale come Shirazi o arabi, per i non convertiti popoli bantu del continente, come Zanj o Khaffirs («infedeli»). Zanj (in arabo: ﺯﻨﺞ, significa "negro") è un vocabolo che s'incontra nella letteratura araba ma che probabilmente è di origine non araba, forse persiana, vista l'esistenza dell'identico vocabolo persiano: زنگی, zangī, che significa "di pelle nera".

Il Sultanato di Kilwa  era quasi totalmente dipendente sul commercio esterno. In effetti, si trattava di una confederazione di insediamenti urbani, e c'era poca o nessuna agricoltura svolta entro i confini del sultanato. Cereali (principalmente miglio e riso), carni (bovini, pollame) e altri rifornimenti necessarie per alimentare le grandi popolazioni della città dovevano essere acquistati presso i popoli bantu dell'interno. I commercianti di Kilwan dalla costa incoraggiarono lo sviluppo delle città mercato negli altipiani dominati dai Bantu, quegli altipiani che sono ora in Kenya, Tanzania, Mozambico e Zimbabwe. La modalità Kilwan di vita era quella di commercianti intermediari: l'importazione di manufatti (stoffa, ecc) da Arabia e l'India, che venivano poi scambiati nelle città mercato degli altopiani con le materie prime Bantu come prodotti agricoli (grano, carni) per la propria sussistenza e preziose materie prime (oro, avorio, ecc), che venivano esportate di nuovo in Asia.

L'eccezione è stata la palma da cocco. Cresciuta lungo tutta la costa, la palma da cocco è stata in ogni modo il pilastro della vita Kilwan, non solo per la frutta, ma anche per il legno, paglia e tessitura. Le navi mercantili Kilwan, dai grandi dhow che solcavano gli oceani aperti ai piccoli zambucs utilizzati per il transito locale, erano di solito costruite con tronchi di legno di palma da cocco, le vele venivano realizzate con stuoie in foglie di cocco e le navi tenute insieme da fibra di cocco .

Il Sultanato di Kilwa  avevano condotto un vasto commercio con l'Arabia, la Persia, in tutto il Oceano Indiano e nella stessa India. Navi Kilwan avevano fatto uso dei venti stagionali monsonici per navigare in tutta l'India in estate, e di nuovo in Africa in inverno. I piloti Kilwan avevano una reputazione per la loro straordinaria precisione di navigazione. I portoghesi si meravigliarono per i loro strumenti di navigazione, in particolare per il kamâl, che consideravano superiori ai propri.

Tuttavia, le navi Kilwan, cucite con fibra di cocco, non avevano sufficienti doti marine per affrontare le acque infide e le imprevedibili raffiche violente intorno a Cape Correntes, così l'intera regione a sud di tale punto raramente è stata  navigata dai mercanti Kilwan. Inhambane era l'insediamento più a sud che può essere considerato parte dell'impero commerciale Kilwan.

Sultanato di Kilwa ca. 1400 dC.
Sultanato di Kilwa ca. 1400 dC.

Declino e la caduta

Negli anni successivi, i Sultani di Kilwa cominciarono a cadere nelle mani dei loro ministri ambiziosi (visir ed emiri), che giocavano i ruoli di persone influenti, e di governanti di fatto, e, occasionalmente, cercavano di imporre se stessi (o uno dei loro familiari) sul trono, in concorrenza con la dinastia reale.

Il maggior successo lo ebbe probabilmente l'emiro Muhammad Kiwabi, che governò Kilwa per quasi due decenni, attraverso una serie di sultani, incluso lui stesso. Durante il suo lungo 'regno', l'emiro Muhammad aveva combattuto una discontinua lotta con suo nipote, Hassan ibn Suleiman (figlio di un visir precedente). 

Muhammad aveva infatti provato ad insediare Hassan come sultano un paio di volte, ma ha incontrato un enorme resistenza da parte della popolazione di Kilwa. Alla fine, Emir Muhammad decideva che, nell'interesse di correttezza costituzionale e della pace civile, i sultani di Kilwa dovevano sempre provenire dalla dinastia reale, non dalle famiglie di visir. Muhammad ha mantenuto quella linea più o meno fino alla fine, vanificando le ambizioni di Hassan.

L'ultimo sultano insediato da Emir Muhammad prima della sua morte è stato il reale principe al-Fudail ibn Suleiman nel 1495 L'uomo che è riuscito a succedere a Muhammad, Emir Ibrahim (noto come Mir Habrahemo in Barros, Abraemo in Goes), ha aiutato al-Fudail a sconfiggere l'ambizioso Hassan volta per tutte in una grande battaglia fuori Kilwa. Ma non passò molto tempo dopo questa battaglia che Emir Ibrahim si dice che abbia tradito e ucciso sultano al-Fudail. Piuttosto che dichiararsi sultano, Ibrahim prese il potere solo con il titolo di emiro, e affermò di esercitare le regole in nome di un figlio di un precedente sultano Solimano (Suleiman ibn Muhammad?) della vecchia dinastia reale. Che nessuno aveva visto o sentito parlare di questo principe assente per anni fu abbastanza comodo per Emir Ibrahim.

L'usurpazione di Emir Ibrahim è stata accolta con scosse non solo in Kilwa, ma pure nelle città vassalle. Emir Muhammad aveva (tardivamente) riconosciuto l'importanza della correttezza costituzionale per la pace nel Sultanato di Kilwa. Il colpo di stato omicida di Emir Ibrahim si concludeva schiacciando lui stesso. La maggior parte dei governatori locali delle città vassalle di Kilwa, molti di coloro che erano parenti o avevano ottenuto le loro posizioni da Emir Muhammad e dalla dinastia reale, rifiutarono di riconoscere l'usurpazione di Emir Ibrahim, e cominciarono a tracciare un percorso indipendente per le proprie città-stato. Il mandato dell'emiro Ibrahim probabilmente coprì solo la città di Kilwastessa e, possibilmente, Mozambique Island.

Questo era più o meno la condizione del sultanato di Kilwa, quando i portoghesi arrivarono.

L'esploratore portoghese Pêro da Covilhã, travestito da mercante arabo, aveva viaggiato per tutta la sua lunghezza nel Sultanato di Kilwa 1489-90, aveva visitato i porti di Malindi, Kilwa e Sofala e consegnato la sua relazione esplorativa una volta tornato a Lisbona, che descriveva la condizione del Sultanato di Kilwa dettagliatamente. Le prime navi portoghesi, sotto Vasco da Gama, in viaggio verso l'India, raggiungevano il sultanato nel 1497. Gama in contatto con i vassalli Kilwa del Mozambico, Mombasa e Malindi, che cercarono di assicurare la loro cooperazione come posti di sosta per le Portuguese India Armadas.

Nel 1500, la 2° Portuguese India Armadas, sotto Pedro Álvares Cabral, visitò la stessa Kilwa, e tentò di negoziare un trattato commerciale e di alleanza con Emir Ibrahim. Ma l'emiro tergiversò e non fu raggiunto alcun accordo.

Il ben armati della Quarta Armada nel 1502, di nuovo sotto Vasco da Gama, vennero con un altro stato d'animo, indisposti ad accettare un no come risposta. Essendosi assicurato trattati distinti con Malindi, il Mozambico e l'importante Sofala, il portoghese portò la loro flotta minacciosa su Kilwa stessa, estorcendo un tributo considerevole all'emiro Ibrahim.

Alcuni hanno ipotizzato che l'emiro Ibrahim perse un'occasione d'oro per ripristinare le sue fortune, che aveva raggiunto in un trattato con Cabral nel 1500,  egli avrebbe potuto avere assicurata l'assistenza della marina portoghese nel portare i vassalli semi-indipendenti di nuovo sotto il suo dominio. Almeno un nobile Kilwan, un certo Muhammad ibn Rukn ad Din (conosciuto dai portoghesi come Muhammad Arcone), certamente consigliò l'emiro Ibrahim di allacciare un'alleanza con il portoghese (e per ciò che aveva fatto, fu dato come un ostaggio al portoghese dall'emiro, che poi rifiutò il riscatto per farlo tornare), sollevando l'ira di Gama).

Come si è visto, i vassalli usarono il portoghese, uno per uno, per garantire la loro rottura definitiva dal Sultanato. Il sovrano di Malindi è stato il primo ad abbracciare il portoghese, forgiando un'alleanza nel 1497 (in gran parte alla rivolta contro Mombasa). Dopo il colpo di stato di Emir Ibrahim, non era certo difficile convincere lo sceicco regnante Isuf di Sofala (Yçuf in Barros, Çufe a Goes) (apparentemente un nipote del defunto emiro Muhammad) a staccarsi. Firmò un trattato con i portoghesi nel 1502, e lo seguì fino a permettere la costruzione di una fabbrica portoghese e un forte in Sofala nel 1505.

Una caracca. 14 di esse e 6 caravelle accompagnarono Francisco de Almeida, conosciuto anche come "il Grande Don Francisco", nel suo viaggio verso oriente.
Una caracca. 14 di esse e 6 caravelle accompagnarono Francisco de Almeida, conosciuto anche come "il Grande Don Francisco", nel suo viaggio verso oriente.

Fu nel 1505 che Francisco de Almeida portò la sua flotta nel porto di Kilwa, e sbarcò circa 500 soldati portoghesi per guidare l'emiro Ibrahim fuori dalla città. Almeida pose il suddetto Muhammad Arcone sul trono, come un vassallo portoghese. Ricordando le convenienze costituzionali, Arcone insistette sul fatto che Micante, il figlio del defunto sultano al-Fudail, fosse il suo successore designato. I portoghesi eressero una fortezza (Fort Santiago) su Kilwa e lasciarono una guarnigione, sotto il comando di Pedro Ferreira Fogaça, per tenere d'occhio le cose.

La dominazione portoghese non era molto gradita. Un particolare ostacolo era l'imposizione di leggi mercantilistiche portoghesi sul sultanato, vietando a tutti, ma non alle navi portoghesi, di effettuare commercio nelle principali città costiere, essenzialmente mettendo molti importanti mercanti Kilwan fuori dal mercato.

I portoghesi non rimasero molto a lungo. Nel maggio del 1506, Muhammad Arcone fu adescato e assassinato dallo sceicco di Tirendicunde (un parente di Emir Ibrahim). Secondo la regola di successione pre-organizzata, Micante ascese al trono. Ma Fogaça, visto che l'ascensione di Micante era stata sostenuta dalla vecchia fazione di Emir Ibrahim, ha concluso che non si sarebbe comportato come un burattino portoghese. Di conseguenza, egli depose Micante e mise Hussein ibn Muhammad, figlio di Arcone, come nuovo sultano.

Il caos scoppiò nella città di Kilwa. Partigiani di Micante (& Emir Ibrahim) presero il controllo di gran parte della città, guidando il sultano Hussein (e i partigiani di Arcone) a cercare rifugio dai portoghesi nel Fort Santiago. Scoppiarono combattimenti di strada e presto gli incendi. Nel caos, flussi di residenti Kilwan fuggirono dalla città, lasciandola praticamente deserta, salvo una manciata di erranti bande partigiane e la guarnigione  portoghese terrorizzata.

Il caos Kilwan si udì fino in India, il portoghese vice-ré Almeida inviò un magistrato, Nuno Vaz Pereira, a indagare sulla questione. Arrivato alla fine del 1506, Pereira convocò i sultani concorrenti Micante e Hussein, e chiese loro di presentare i loro casi. Pereira deliberò in favore di Hussein, lo confermò come sultano, ma ammorbidì il colpo sostituendo il comandante impopolare Fogaça e revocando delle restrizioni mercantilistiche sul trasporto a Kilwa.

I rifugiati Kilwan ritornarono e ripresero un po'di pace, ma solo brevemente. Hussein si mise in testa di guidare l'esercito Kilwan contro Tirendicunde, per vendicare l'assassinio del padre. La città fu brutalmente saccheggiata, e furono fatti numerosi prigionieri. Hussein poi, inviò emissari in tutte le città vassalle del Sultanato di Kilwa, ordinando loro di tornare all'obbedienza, altrimenti avrebbero avuto la stessa sorte. 

Temendo che ondata di tirannia di Hussein avrebbe potuto mettere a repentaglio gli interessi portoghesi in Africa orientale, il vice-ré Almeida invertì la decisione di Pereira, depose Hussein e reintegrò Micante.

Monete di rame prodotte nellì'Africa sub-sahariana probabilmente appartenenti all’antico Sultanato di Kilwa.
Monete di rame prodotte nellì'Africa sub-sahariana probabilmente appartenenti all’antico Sultanato di Kilwa.

Possibile collegamento con l'Australia

Nel 1944, un piccolo numero di monete di rame con iscrizioni arabe sono state scoperte su una spiaggia di Jensen Bay nell'isola di Marchinbar, che fa parte delle Isole Wessel nel Territorio del Nord dell'Australia.

Nell’ormai lontano 1944 un soldato australiano di nome Maurie Isenberg fu assegnato a una delle disabitate ma strategicamente rilevanti isole Wessel per gestire una stazione radio. Un giorno mentre pescava tranquillamente durante il suo tempo libero, scoprì nove monete sepolte nella sabbia. Isenberg le tenne in un barattolo fino al 1979 quando, chiedendosi se potessero valere qualcosa, le mandò a identificare.

A quel punto si svelò che quattro monete appartenevano alla Dutch East India Comapny e una risaliva addirittura al XVII secolo.

Le restanti cinque monete di rame furono identificate come originarie di Kilwa, databili addirittura al XII secolo, proprio il periodo in cui il sultanato cominciò a battere moneta propria. Ian McIntosh, antropologo dell’Indiana University, sostiene che si tratta di una scoperta molto affascinante dal momento che prima di allora le monete di Kilwa erano state rinvenute al di fuori della città solo in due occasioni. Una moneta isolata era stata ritrovata tra le rovine del grande Zimbawe e un’altra nella penisola arabica, nell’attuale Oman. Poi da nessun’altra parte. Poi all’improvviso quella manciata di monete nell’Australia del nord, questa è la cosa veramente sconvolgente.

Questa scoperta è stata di interesse per quegli storici e archeologi che ritengono probabile che delle persone abbiano fatto approdo in Australia o sulle sue isole in mare aperto prima della scoperta, generalmente accettata, del marinaio olandese Willem Janszoon nel 1606 (Vedi Janszoon viaggio del 1606 e la storia dell'Australia (1606-1787).

 

Se diamo retta ai libri di storia, gli esploratori Aborigeni arrivarono in Australia dall’Asia all’incirca sessantamila anni fa. Il primo europeo noto per aver messo piede sul continente australiano è l’esploratore olandese Willem Janszoon, nel 1606, più di centosessanta anni prima che il capitano James Cook arrivasse sulla costa sud est per dichiarare quel territorio proprietà dell’impero britannico.

Come hanno fatto allora le cinque monete ad arrivare dalla lontanissima Kilwa fino alle sperdute Wessel Islands? C’è di mezzo un naufragio? È possibile che i portoghesi che avevano invaso Kilwa nel 1505, avessero raggiunto le rive australiane dall’Africa orientale avendo in loro possesso le monete? O furono i marinai di Kilwa, rinomati in quanto esperti navigatori per tutte le vie del mare dall’Africa alla Cina, a portarcele mentre scoratavno i carichi dei commercianti asiatici? Queste sono le domande a cui McIntosh spera di trovare una risposta essendosi offerto per sbrogliare il mistero di come le monete, oggi conservate al Sydney’s Powerhouse Museum, siano giunte fino in Australia.

Le ipotesi che abbiamo ora sono cinque e tutte distinte tra loro. Stiamo cercando di capire come queste monete, ognuna delle quali molto diversa dalle altre, sia giunta qui”, dice McIntosh. Il 15 luglio 2013 sarà a capo di un team di archeologi, storici e scienziati che esploreranno l’area in cui Isenberg ha trovato le monete. “Si tratta di un sopralluogo iniziale” sostiene, “se troveremo qualcosa di interessante torneremo per esplorare aree più specifiche. Siamo molto interessati a dipingere un quadro della storia d’Australia molto più accurato di quello che si può trovare sui libri di testo”. La squadra si imbarcherà per la sua impresa alla ricerca di risposte equipaggiata di una mappa vecchia di settant’anni sulla quale Isenberg ha indicato il luogo del ritrovamento con una X.

McIntosh racconta che dopo aver ricevuto la mappa poco prima della morte di Isenberg avvenuta nel 1991, aveva cercato di organizzare una spedizione alle Wessel Islands nel 1990 ma non aveva trovato i fondi necessari. “Nel 1992 c’era un interesse molto limitato per questo tipo di avventure” dice, ma noi abbiamo continuato a interessarci ai legami con Kilwa poiché si trattava di una città molto famosa ai suoi tempi, vale a dire tra il 1100 e il 1300 circa quando era il porto più eminente dell’intera costa africana, più di Mombasa, Zanzibar e Mogadishu. Se portassi queste monete in un negozio a Kilwa forse avrei in cambio qualche dollaro “spiega McIntosh, “ma il valore che hanno qui in Australia del nord è senza prezzo per via del loro valore storico”.

Kilwa - Tanzania.
Kilwa - Tanzania.

La città di Kilwa

La città di Kilwa, come tale, è divisa in tre diverse città. Kilwa Kivinje, Kilwa Masoko e Kilwa Kisiwani con Songo Mnara e Sanje Ya Kiti. Kilwa Masoko ha tuttavia una storia meno interessante, ma ora è la città moderna ed il centro delle operazioni, nonché l'ubicazione di tutti i comfort moderni. Gli altri sono i luoghi dove andare per ragioni storiche.

 

Kilwa Kivinje, fu nel XIX secolo una città commerciale araba di schiavi e avorio dove le carovane partìvano verso l'interno. Con la fine dell'epoca araba alla fine del XIX secolo, il governo coloniale tedesco costruì un forte ed estese la città. Dai tempi tedeschi si possono ancora trovare un mercato coperto, il grande forte con una cannone della 1° guerra mondiale, e due pilastri, uno per i morti tribali della guerra Maji Maji combattuta tra le tribù locali della Tanzania del sud e il governo coloniale tedesco e l'altro per due commercianti tedeschi uccisi durante la stessa guerra di Maji Maji.

 

Kilwa Kisiwani è il luogo dove si trova la più grande collezione di rovine. Direttamente sulla riva settentrionale, si trova il vecchio forte omanita che è costruito sulle fondamenta del vecchio forte portoghese del XIX secolo e dove ancora rimane una vecchia porta in legno.

Si trova anche una grande moschea costruita nel XII secolo e che venne ulteriormente ampliata fino al XV secolo. Si dice sia la più grande moschea in Africa orientale. Direttamente a sud della moschea c'è una grande casa, una volta era un complesso edificio che molto probabilmente era il Palazzo del Sultano. In essa ci sono quattro tombe, di cui una si vocifera sia di un sultano.

Il grande complesso di mura ad ovest dell'isola è chiamato "Makutani" (grande muraglia). Il centro è costituito da un palazzo del XVIII secolo, a sud di esso, un altro palazzo appartenente al Sultano, con una moschea del XV secolo.

Tutta la strada ad est dell'isola ci sono le pareti di terra della "Husuni Kubwa", una volta il più grande edificio in Africa tropicale. Songo Mnara è un'altra isola con case e moschee dal XIV al XV secolo, alcune delle quali mostrano ancora alte mura e anche parti dei loro tetti.

Grande Moschea di Kilwa sull'isola di Kilwa Kisiwani, in Tanzania.
Grande Moschea di Kilwa sull'isola di Kilwa Kisiwani, in Tanzania.

Grande Moschea

            La Grande Moschea di Kilwa è una moschea "congregazionale" sull'isola di Kilwa Kisiwani, in Tanzania. È stata probabilmente fondata nel X secolo, ma in due principali fasi di costruzione XI-XII e XIII secolo.

Si tratta di una delle prime moschee superstiti sulla costa Swahili.

La più piccola sala di preghiera settentrionale risale alla prima fase della costruzione. Conteneva un totale di 16 cupole supportate da un incredibile complesso sistema di archi e da nove pilastri, che erano originariamente scolpiti nel corallo, ma poi sostituiti dal legno. La cupola centrale, ora perduta, era la più grande in Africa orientale fino al 19° secolo. La struttura è stata interamente coperta ed è stata forse una delle prime moschee nella zona che sia stata costruita senza un cortile.  

Nei primi anni del XIV secolo, Sultan al-Hasan ibn Sulaiman, che ha realizzato anche il vicino Palazzo di Husuni Kubwa, ha aggiunto un'estensione meridionale che comprendeva una grande cupola. Questa cupola è stata descritta da Ibn Battuta (grande viaggiatore marocchino), colpito dal suo splendore, dopo aver visitato Kilwa nel 1331.

Moschee più piccole sono sparse su Kilwa, ognuna con le proprie caratteristiche distinte. La Moschea di Jangwani ha caratteristici contenitori d'acqua fissati nelle pareti per consentire ai fedeli di purificarsi per la preghiera, mentre una piccola moschea senza nome - forse la struttura superstite più incontaminata della città - è collegata a ciò che si crede di essere una madrasa (scuola).

Great House sull'isola di Kilwa Kisiwani, in Tanzania.
Great House sull'isola di Kilwa Kisiwani, in Tanzania.

Grande Casa e Palazzo Makutani

         La maggior parte delle rovine del'isola risalgono al 14° e l'inizio del 15° secolo, quando il sultanato era al culmine della sua potenza. Kilwa era diventata una delle capitali mercantili dell'Oceano Indiano, e i suoi abitanti facoltosi costruivano grandiose dimore coralline.


La Great House si dice che sia stata di proprietà di un sultano, che si presume essere sepolto in una delle quattro tombe.

Il Makutani Palace, probabilmente il più imponente dell'isola, è una struttura triangolare robusta, costruita nel 15° secolo come roccaforte del sultano. Attraversando le sue austere grandi torri si incontra la tomba di un altro sultano.

Gereza Fort sull'isola di Kilwa Kisiwani, in Tanzania.
Gereza Fort sull'isola di Kilwa Kisiwani, in Tanzania.

 

 

 

Gereza Fort

                Una fortezza sulla punta dell'isola, ha una elegante merlatura e un grande portale in legno.

Il forte Gereza si pensa sia una struttura dell'Oman, costruita sul sito di una fortezza portoghese. Il nome deriva da "igreja", Chiesa in portoghese. "Gereza" è diventata una parola Swahili che significa "prigione".

Kilwa- Kisiwani 1900/1910  - Geresa Fort in una foto dell'epoca.
Kilwa- Kisiwani 1900/1910 - Geresa Fort in una foto dell'epoca.
Palazzo di Husuni Kubwa - Punta settentrionale del promontorio dalla spiaggia.
Palazzo di Husuni Kubwa - Punta settentrionale del promontorio dalla spiaggia.

Palazzo di Husuni Kubwa

               Husuni Kubwa (il "Grande Forte"), situato al di fuori della città, era uno dei primi palazzi del sultano 14° secolo ed emporio. Altri tratti caratteristici comprendono strade rialzate e piattaforme all'ingresso del porto formate da blocchi di reef e barriera corallina alta quasi un metro. Queste fungono da frangiflutti, permettendo alle mangrovie di crescere, che è uno dei modi in cui il molo può essere individuato a distanza. Alcune parti della strada rialzata sono fatte da substrato roccioso, ma solitamente il substrato roccioso è stato utilizzato come base. Pietra di corallo è stata utilizzata per costruire le strade rialzate con sabbia e calce utilizzati per cementare insieme i ciottoli. Alcune delle pietre sono state lasciate sciolte.

Il Palazzo di Husuni Kubwa è una struttura in rovina sull'isola di Kilwa Kisiwani, in Tanzania. La maggior parte del palazzo fu eretto nel 14° secolo dal sultano al-Hasan ibn Sulaiman, che ha realizzato anche un'estensione per la vicina Grande Moschea di Kilwa, anche se alcune parti risalgono al 13° secolo. Il palazzo fu abitato solo per un breve periodo di tempo, e abbandonato prima del suo completamento.

La struttura è stata costruita in pietra di corallo su un alto promontorio che si affaccia sull'Oceano Indiano . Si compone di tre elementi principali: una corte a sud, utilizzata principalmente per il commercio; un complesso residenziale che vantava oltre un centinaio di camere singole; e un'ampia scalinata che conduceva in basso ad una moschea che si trovava sulla spiaggia. Altre caratteristiche degne di nota sono il padiglione, che probabilmente fungeva da sala di ricevimento, e una piscina ottagonale. Tutto Husuni Kubwa si estende su circa due ettari. I pezzi di corallo sono stati fissati con malta di calce e la pietra tagliata è stata utilizzata per le parti decorative, stipiti delle porte, e volte. Le camere sono alte circa 3 metri. Il tetto è stato realizzato con blocchi di pietra calcarea posti in uno scheletro in legno e i pavimenti erano di intonaco bianco. L'ingresso principale di Husuni Kubwa è dalla costa. La maggior parte della ceramica smaltata importata sono stati recuperati presso il sito che era il celadon cinese, anche se erano presenti alcuni frammenti di gres porcellanato Ying Ch'ing. Un fiasco della dinastia Yuan è stato datato datato intorno al 1300 dC. È interessante notare che né la Cronaca di Kilwa né contabilità portoghesi descrivono un edificio comparabile a Husuni Kubwa.

Malindi Mosque sull'isola di Kilwa Kisiwani, in Tanzania.
Malindi Mosque sull'isola di Kilwa Kisiwani, in Tanzania.

 

 

 

 

Malindi Mosque

Questa moschea fu originariamente costruita nel XV secolo dC. e notevolmente ricostruita nel XVIII secolo.

Husuni Ndogo - "Piccolo forte".
Husuni Ndogo - "Piccolo forte".

Husuni Ndogo

               Husuni Ndogo ("fortino") è costruito da macerie di corallo e malta di calce. Il muro di recinto rettangolare circonda il complesso e ad ogni angolo si trova una torre. Le fondazioni si estendono due metri sotto il livello del suolo. Sembra sia stato costruito come fortezza, ma le finalità e gli usi esatti sono un po' sconosciuti. Ci sono alcune prove che, almeno per un momento, è stato utilizzato come una moschea. Architettonicamente, sembra essere diverso da altri edifici lungo la costa, che assomigliano a edifici costruiti sotto i califfi del Umayyad verso il 661-750 dC. Tuttavia, rimane incerto, se la struttura sia o meno correlata o addirittura risalente agli edifici arabi, anche se sembra improbabile.

Kilwa Kisiwani - Mappa.
Kilwa Kisiwani - Mappa.


Amboseli National Park
Amboseli National Park
Tembo Court - Entrance
Tembo Court - Entrance
Tembo Court - Pool
Tembo Court - Pool
Tembo Court - Pool
Tembo Court - Pool
Tembo Court - Restaurant Pool
Tembo Court - Restaurant Pool
Tembo Court - Beach Pool
Tembo Court - Beach Pool
Watamu - Kobe
Watamu - Kobe
Watamu - Papa Remo Beach
Watamu - Papa Remo Beach
Watamu - Ocean Sports
Watamu - Ocean Sports
Tsavo East National Park
Tsavo East National Park
Tembo Court - Veranda Apartment
Tembo Court - Veranda Apartment
Tembo Court - Veranda Apartment
Tembo Court - Veranda Apartment
Tsavo East National Park
Tsavo East National Park
Tembo Court Beach
Tembo Court Beach
Tembo Court Beach - Low Tide
Tembo Court Beach - Low Tide
Tembo Court Beach - High Tide
Tembo Court Beach - High Tide
Tembo Court
Tembo Court
FreeCurrencyRates.com